Una guida all'utilizzo delle AppImage

Scritto da il
❇️ Trucco del giorno

Ormai non faccio segreto del mio amore per il formato AppImage su linux, per me secondo solo al formato nativo delle distribuzioni.

Tra i tanti vantaggi che questi offrono, vi è il fatto che, oltre ad avviare semplicemente il software, abbiamo una serie di opzioni che possiamo attuare quando avviamo un appimage.

Tutte le opzioni son disponibili scrivendo:

./file.AppImage --appimage-help 

Personalmente penso che le più utili siano quelle di poter estrarre il contenuto di un app image in una cartella, così:

./file.AppImage --appimage-extract 

E, ancora più utile, quella di poter creare una “configurazione portatile” della nostra app image simulando una finta home e una finta cartella delle configurazioni. ad esempio creiamo due nuove cartelle così:

mkdir fintahome
mkdir finteconf

e quindi avviamo la nostra appimage così:

HOME=fintahome XDG_CONFIG_HOME=finteconf ./file.AppImage --portable-home --portable-config 

et voiltà. Se zippiamo tutto possiamo portare la nostra appimage con le stesse configurazioni ovunque.